Home » Scalo lungo a Singapore, cosa vedere e cosa fare in un giorno

Scalo lungo a Singapore, cosa vedere e cosa fare in un giorno

di Federica

Durante il nostro viaggio in Asia tra Vietnam e Cambogia abbiamo trascorso poco più di 24 ore nella città-stato di Singapore, che è stata anche la nostra porta di ingresso nel Sud-Est Asiatico. Singapore è una delle principali metropoli asiatiche attraverso cui arrivare nel continente, quindi se volate a est in Asia vi capiterà probabilmente di passare per questa città. In questo articolo vi racconto della nostra esperienza di scalo lungo a Singapore, cosa vedere e cosa fare in un giorno se questa città non è la vostra meta finale ma un passaggio obbligato per un altro paese del sud-est asiatico. Singapore è una città che merita almeno tre giorni per essere visitata meglio, ma non avendo avuto troppo tempo a disposizione, noi abbiamo visitato Singapore in un giorno prima di prendere il nostro volo per il Vietnam. Vediamo quindi cosa fare e cosa vedere a Singapore in un giorno, con ritmi lenti viaggiando con due bambini di 4 e 2 anni.

Scalo lungo Singapore

Scalo lungo a Singapore, cosa vedere e cosa fare in un giorno

Se il vostro tempo a Singapore è limitato ad una sola giornata, come lo è stato nel nostro caso, purtroppo dovrete fare delle scelte delle cose da vedere e se volete conoscere meglio questa città-stato, dovrete mettere in conto di tornarci o di fermarvi durante un prossimo scalo. Singapore è una città moderna, super efficiente, organizzata e pulita, molto occidentale ma allo stesso tempo un gran bel melting-pot asiatico, dove diverse culture asiatiche, e non solo, si incontrano rendendo questa città una crogiuolo di lingue e culture da tutto il mondo.

Singapore è stato per noi il primo impatto con il sud-est asiatico. In un giorno si vede pochissimo, anche perché bisogna riprendersi dalle 10 ore di volo (noi abbiamo fatto Bari-Istanbul-Singapore) e anche dalla prima botta di caldo afoso di questa metropoli tropicale. Tra l’altro siamo arrivati alle 8.30 e siamo ripartiti alla volta del Vietnam il giorno dopo alle ore 13, quindi davvero troppo poco tempo (preciso che il volo non era in connessione, abbiamo acquistato un volo con destinazione Singapore con Turkish Airlines, e poi un altro volo per il Hanoi, Vietnam da Singapore con Vietnam Airlines). Tuttavia, trascorrere 24 ore a Singapore è un buon inizio per osservare gente da tutto il mondo, e per rendersi conto di quanto Singapore sia vivibile, sicura e pulita, perfetta per chi viaggia con bambini piccoli. Una città poliedrica, dove Oriente e Occidente si incontrano, dando vita a un mix molto interessante. Ecco quindi cosa vedere e cosa fare a Singapore durante uno scalo lungo in città.

Aeroporto Singapore Changi  

La prima cosa da fare a Singapore quando si arriva qui durante un volo internazionale o durante uno scalo lungo è visitare il suo aeroporto. L’aeroporto di Singapore Changi non è semplicemente uno degli aeroporti più grandi del mondo perché crocevia tra Oriente e Occidente, ma è anche uno dei più belli e spettacolari. E a dirlo non sono solo io, ma l’aeroporto di Singapore Changi è stato per otto anni consecutivi in cima alla lista del World’s Best Airport Awards, quindi nominato ufficialmente l’aeroporto migliore del mondo. Non si tratta solo di un aeroporto, ma di un vero e proprio nucleo all’interno della città-Stato, con servizi, giardini e parchi divertimenti che rendono uno scalo lungo a Singapore Changi un’esperienza multisensoriale e indimenticabile.

Trascorrere tante ore di scalo all’aeroporto di Singapore Changi non è affatto pesante e noioso, al contrario è di per sé un’esperienza incredibile. E questo grazie al fatto che l’aeroporto è di ultima generazione, curato e pulito. Se viaggiate con bambini, vi renderete conto di quanto questo aeroporto sia a misura di famiglie.

Ma quindi, cosa fare all’aeroporto di Singapore Changi?

Partiamo da quella che è l’attrazione più imperdibile e scenografica: il Rain Vortex, la cascata indoor più grande del mondo, inaugurata nel 2019 e situata al centro dell’aeroporto Jewel Changi, presso il Terminal 4. Si tratta di una cascata di ben 40 metri, tutto intorno vi è un enorme giardino pensile dislocato su cinque piani, denominato Shiseido Forest Valley, dove si snodano centri commerciali, negozi e numerosi ristoranti di ogni genere. Tutta questa zona è denominata Jewel ed è un vero e proprio gioiello che comprende dieci piani totali tra servizi, strutture, attrazioni e parchi divertimenti. Ecco il motivo per cui uno scalo lungo a Singapore è tutt’altro che noia!

Aeroporto Singapore Changi

All’ultimo piano della Shiseido Forest Valley si trova il Canopy Bridge, una passerella alta 23 metri sospesa sulla zona della cascata, con tanto di camminatoio trasparente dove poter guardare giù. Qui si trova anche il Canopy Park, uno spazio ricreativo di ben 14.000 metri quadri, con divertimenti per grandi e piccini: c’è davvero da perderci la testa! Noi avremmo voluto portare i bambini, ma obiettivamente abbiamo trovato il costo per il Canopy Park eccessivo, quindi abbiamo preferito rinunciare. Se volete dare un occhio all’esperienza e ai costi aggiornati, potete guardare ed eventualmente prenotare dal link di Get your Guide – Canopy Park Singapore Changi Airport.

(*link affiliato: vuol dire che per ogni prenotazione fatta tramite questo link, noi riceviamo una piccola commissione per sostenere il nostro Travel Blog, ma a voi non cambia nulla nel prezzo finale).

Scalo lungo Singapore

Oltre a questo parco divertimento a pagamento, all’interno dell’aeroporto di Singapore Changi ci sono diversi playground ovviamente gratis per i bambini, quindi non c’è alcuna difficoltà a trascorrere tante ore di scalo con i più piccoli.

Little India

Tra le cose da vedere a Singapore in un giorno non può mancare, oltre all’aeroporto Changi, anche Little India, uno dei quartieri più caratteristici di Singapore. Colorato, ricco di odori e profumi, musica indiana che fa catapultare in un mondo completamente diverso, Little India è una delle anime di Singapore. Si tratta di uno dei quartieri storici della città, qui si insediarono infatti i primi indiani nel 1819 e a fine ‘800 molti migranti dall’India si stabilirono in cerca di lavoro. Oggi Little India è il centro nevralgico della comunità indiana di Singapore. Cosa vedere a Little India, Singapore, in poche ore? Partiamo dal tempio Sri Veeramakaliamman, il tempio induista più venerato dalla comunità indiana di Singapore. Colorato, pieno di fiori e con continuo movimento di pellegrini che si recano qui per le loro preghiere. Come ogni tempio induista, per entrare è necessario togliere le scarpe. Il tempio è chiuso alle visite durante alcune ore della giornata, si tratta comunque di una visita da non perdere a Little India Singapore.

Scalo lungo Singapore

Little India Singapore

Usciti da qui, il mio consiglio è semplicemente quello di passeggiare tra le vie colorate e chiassose di Little India, e di lasciarsi travolgere dal movimento quotidiano e dalla vivacità dei suoi abitanti. Qui si trovano tante botteghe tipiche, negozi che vengono ogni genere di cose, tante bancarelle con fiori e frutti colorati. Passeggiare per le vie di Little India è il miglior modo per apprezzare questo quartiere di Singapore. Vi consiglio di trascorrere qui almeno un paio d’ore.

Scalo lungo a Singapore

Per raggiungere Little India il modo migliore per farlo è con la metro MRT, la fermata si chiama Little India e si trova sulla linea viola.

Singapore dove dormire 

Singapore è una città molto cara e questo va detto. Abbiamo trascorso qui poco più di 24 ore e quindi abbiamo fatto solo un pernotto. Se state cercando una soluzione dove dormire a Singapore vi consiglio la struttura che abbiamo scelto noi: Hotel Lavender. Qui abbiamo trovato un ottimo rapporto qualità prezzo (senza colazione, ma come dicevo, i prezzi a Singapore sono altissimi), in una sistemazione comoda e pulita, perfetta per chi viaggia in famiglia. L’hotel è un grattacielo che sorge al di sopra di una zona commerciale molto frequentata, qui si trovano negozi, locali e ristoranti, quindi si può trovare trovare di tutto. Se state cercando un alloggio a Singapore dove dormire, l’Hotel Lavender è decisamente consigliato. Potete prenotare il vostro pernotto a Hotel Lavender Singapore a questo link.

(*link affiliato).

Per raggiungere l’Hotel Lavender dall’aeroporto di Singapore Changi questo è il percorso con i mezzi pubblici tramite la linea East West Line: Google maps da aeroporto Singapore a Hotel Lavender.

Singapore come muoversi

Singapore è una città organizzata ed efficiente, e si gira benissimo con i mezzi pubblici. Noi ci siamo spostati usando la metro MRT, il mezzo più rapido e pratico per girare la città. La rete conta 9 linee totali, contraddistinte per colore, con cui si raggiunge ogni quartiere. Le corse sono molto frequenti, e tutte le stazioni sono pulitissime e moderne. Per acquistare il biglietto della metro MRT basta recarsi alle biglietterie automatiche, il costo varia in base al chilometraggio da percorrere. Noi, rimanendo in città poco più di 24 ore, abbiamo optato per l’acquisto del Singapore Tourist Pass, una tessera che comprende corse illimitate su metro e autobus. Per maggiori informazioni sui diversi tipi di pass disponibili, vi lascio il link ufficiale: Singapore Tourist Pass

Singapore Tourist Pass

Requisiti di ingresso per Singapore

Per l’ingresso a Singapore è necessario essere in possesso del passaporto con almeno sei mesi di validità residua dalla data di ingresso nel paese. Ad oggi questo è l’unico requisito richiesto per i cittadini italiani che soggiornano o transitano a Singapore per una durante inferiore ai 90 giorni. Infatti, per soggiorni inferiori a 90 giorni non è necessario il visto di ingresso per motivi di turismo o di lavoro. Per informazioni aggiornate in merito, prima di partire è sempre buona regola consultare le normative ufficiali vigenti sul sito di Viaggiare Sicuri.

Singapore è una città che ci ha affascinati per il suo essere così ordinata ed efficiente e al contempo così estremamente orientale e diversa dal nostro modo di vivere. Devo ammettere che mi è piaciuta molto, mi dispiace aver visto pochissimo, occasione per ritornare sicuramente!

Se vi capita di leggere Tiziano Terzani nel suo libro “Un indovino mi disse“, leggerete una descrizione di Singapore come “isola ad aria condizionata”. Se vedete Singapore e poi leggete queste righe non potrete fare a meno di fare qualche riflessione:

Ogni città ha un suo modo di presentarsi (…). Quello di Singapore è il suo aeroporto. L’aeroporto è la sua vetrina, la sua faccia imbellettata, il suo biglietto da visita. La gente arriva e parte da lì e in verità non avrebbe bisogno di vedere altro, perché l’aeroporto è il concentrato di tutto quello che Singapore ha da far vedere di sé: la sua efficienza, la sua pulizia, il suo ordine, il suo essere il più grande supermercato di beni di  consumo, di inutilità e di perbenismo dell’Asia.

(T. Terzani, Un indovino mi disse, p.187).

Se avete trovato utile questo articolo per il vostro scalo lungo a Singapore, fatemelo sapere nei commenti. E se ancora non lo fate, seguiteci su Instagram per scoprire i nostri viaggi on the road con bambini piccoli nel mondo.

Viaggi on the road con bambini

Per viaggiare in tutta tranquillità con bambini piccoli, mi raccomando a non partire mai senza assicurazione di viaggio.

Per i lettori di Viaggiatorisicresce è riservato un codice sconto del 10% su qualunque polizza viaggio con Columbus AssicurazioniA questo link potete acquistare la vostra assicurazione di viaggio Columbus con il 10% di sconto (oppure inserendo il codice sconto BTG032 in fase di acquisto).

 

Ultimi articoli che potrebbero interessarvi dal blog:

Epiro Grecia, cosa vedere in un itinerario di due settimane

Barca a vela con bambini: la nostra esperienza in Slovenia

Phnom Pen, Cambogia: cosa fare, cosa vedere e dove dormire

Cambogia con bambini: itinerario di viaggio di 12 giorni

Elefanti in Cambogia, esperienza unica a Sen Monoron, Mondulkiri

Hanoi, cosa vedere in 2 giorni

Vietnam con bambini, visitare la Valle di Mai Chau

Altri articoli che potrebbero interessarti

10 comments

Eliana 16 Agosto 2023 - 9:09

Singapore mi ispira davvero moltissimo e vorrei trascorrerci almeno 5 giorni, nonostante sia “solo” una città stato: mi intriga il suo melting pot di culture, il fatto di essere una città stato e i moltissimi luoghi super moderni da visitare!

Rispondi
Federica 17 Agosto 2023 - 6:54

Ciao Eliana! Si infatti, è una città che ha intrigato sempre anche me, purtroppo il tempo trascorso è stato pochissimo (ci hanno anche cambiato il volo di ritorno, dovendo partire prima) ci vogliono almeno 3 giorni! é un mix molto interessante!

Rispondi
sara bontempi 16 Agosto 2023 - 11:05

Abbiamo trovato un volo per il Giappone con scalo lungo a Singapore e pensavamo proprio di utilizzare quel tempo proprio per visitare velocemente la città, il tuo articolo è perfetto per noi!

Rispondi
Federica 17 Agosto 2023 - 6:56

Perfetto! Ovviamente ci sono più cose da vedere, ho scritto un articolo basato su quello che abbiamo realmente fatto noi, con due bambini al seguito i ritmi sono più lenti e 24 ore sono pochissime, sicuramente un giro a Gardens By the Bay e Arab Street lo aggiungerei se ce la fai. Buon viaggio!

Rispondi
Tamara 16 Agosto 2023 - 11:37

Non credo che purtroppo avrò modo di fare un
Viaggio così lungo con le bimbe ma mai dire mai, perciò salverò assolutamente questo articolo super interessante.

Rispondi
Federica 17 Agosto 2023 - 6:57

Se vi capita di andare verso l’Asia un passaggio a Singapore ci sta tutto, è proprio una città molto particolare!

Rispondi
Libera 19 Agosto 2023 - 5:59

In questo momento, mentre ti scrivo, mi trovo proprio a Singapore e posso dirti che l’ho letteralmente adorata a prima vista.

Rispondi
Federica 23 Agosto 2023 - 16:34

A me è piaciuta molto e sono sicura che torneremo!

Rispondi
Ronco Maria Teresa 17 Gennaio 2024 - 6:55

Siamo qui ora e oggi pomeriggio andremo a vedere. Ma da dove si entra per la cascata??
Ieri abbiamo fatto km da un capo all’altro per un volo cancellato….. è sterminato…

Rispondi
Federica 20 Gennaio 2024 - 0:37

Dipende da quale terminal parti, comunque si seguono le indicazioni per Jewel. Siete poi riusciti a vederlo?

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

Verified by MonsterInsights