Home » Seychelles con bambini: consigli pratici e informazioni utili

Seychelles con bambini: consigli pratici e informazioni utili

di Federica

Che le Seychelles siano un paradiso a misura di famiglie con bambini, su questo non c’è dubbio. Solitamente questa destinazione viene associata alla vacanza di lusso ma vi garantisco che è una meta che con qualche accortezza può essere vissuta con costi ridotti anche in famiglia, regalandovi delle esperienze di viaggio incredibili.

In questo articolo vi lascio i nostri consigli pratici su come organizzare un viaggio alle Seychelles con bimbi piccoli. Noi le abbiamo vissute con Diego di 15 mesi ed è stato un viaggio meraviglioso.

Seychelles Anse Volbert Praslin

Cosa serve per viaggiare alle Seychelles

Come prima cosa, se state pensando di partire per le Seychelles, non dovrete dimenticare il passaporto. Per adulti e bambini viene richiesto il passaporto con almeno sei mesi di validità. Il visto, con scadenza trenta giorni, viene rilasciato al momento dell’ingresso nel paese ed è gratuito.

Ciò che non deve mai mancare quando si viaggia, e ancor più quando si viaggia con bambini, è un’assicurazione viaggi per tutta la famiglia. Noi siamo soliti usare Columbus, ma ovviamente ce ne sono diverse, l’importante è non partire mai senza (vi tornerà utile anche in caso di eventuali ritardi aerei, come è successo a noi proprio alle Seychelles).

Il volo per le Seychelles 

Il volo per Mahè arriva a durare 15 ore in totale quindi, soprattutto se state viaggiando con bambini, il primo consiglio è quello di scegliere un volo notturno così i vostri piccoli dormiranno la maggior parte del viaggio. Il volo è ovviamente una voce di costo che incide non poco sul viaggio, dunque vi consiglio di monitorare i prezzi dei voli e prenotare con un certo anticipo. Un’altra possibilità per risparmiare è data dal viaggiare durante la bassa stagione (dicembre o agosto non sono certo bassa stagione!).

Vi sono diverse compagnie europee che volano sulle Seychelles, noi abbiamo viaggiato con Turkish Airlines (di cui non ho un ricordo piacevole, ma gli impresti in viaggio succedono quindi non mi dilungo sulla nostra esperienza!). Siamo partiti da Venezia alle ore 19 con scalo ad Istanbul. All’epoca del viaggio (novembre 2019) Diego pagava la tariffa neonato, il costo del volo intercontinentale si è aggirato sui 1.100 € a/r per tutti e tre, posti a sedere esclusi. Viaggiando con un neonato (sotto i 2 anni, i bambini vengono considerati come tali dalle compagnie aeree), i bambini viaggiano sostanzialmente gratis in aereo, si pagano solo le tasse ma sono un importo minimo. In generale, più sono piccoli e più conviene viaggiare. A bordo si ha diritto alla culletta gratuita per i bimbi, ma per essere sicuri di averla a disposizione, è necessario prenotare i posti a sedere vicino alla culletta in anticipo (ovviamente a pagamento). Se viaggiate con bimbi già più grandicelli ma sotto i due anni, consiglio di verificare se ci possano ancora stare nella culletta (le dimensioni della culletta possono essere verificate sul sito della compagnia aerea) perché se così non fosse, potreste risparmiare questo costo. Noi abbiamo acquistato i posti a sedere vicino la culletta pagando 70€ extra a testa, per scoprire solo una volta a bordo che Diego ormai nella culletta non ci entrava più, quindi di fatto non l’abbiamo utilizzata.

Come ho scritto in questo articolo, le Seychelles sono ideali per un viaggio itinerante tra le isole. Dopo il volo internazionale ci siamo spostati subito a Praslin con un volo interno con Air Seychelles. Il volo Mahè-Praslin dura venti minuti su un aereo ad elica con una decina di posti, vi consiglio perciò di verificare la franchigia del bagaglio da stiva. Al tempo del nostro viaggio, era consentito imbarcare in stiva 23 kg e 5 kg con il bagaglio a mano. Il passeggino viene imbarcato senza problemi gratuitamente in stiva, lo cito perché quando abbiamo viaggiato noi non avevo trovato un’informazione chiara in merito e fino al momento dell’imbarco ero in dubbio che potesse non esserci spazio nel volo per Praslin.

Seychelles Praslin Anse Volbert

Dove alloggiare alle Seychelles 

Un’ottima soluzione per ridurre i costi di un viaggio alle Seychelles è quella di alloggiare in guest house con self-catering. Si tratta di alloggi a conduzione familiare dotati di cucina (ad uso privato o condiviso) dove potrete preparare i vostri pasti come a casa. Questo consente non soltanto un notevole risparmio (mangiare fuori alle Seychelles non è proprio economico, ad eccezione dei take away), ma anche di seguire al meglio le necessità dei vostri piccoli viaggiatori. Io riuscivo a preparare il pranzo per Diego e portarlo via in thermos stando fuori tutta la giornata. La sera eravamo così stanchi che andare in giro per cena non era nelle nostre priorità! Ovviamente ci siamo concessi dei pranzi e cene fuori per assaggiare le specialità locali, che sono ottime, ma il cibo creolo è tendenzialmente molto speziato (carne, pesce e riso lo sono sempre, vi consiglio di ordinare “not spicy” se non lo amate, ma un minimo di speziato dovrete tollerarlo) e potrebbe non piacere ai bambini.

La soluzione in guest house, inoltre, vi farà vivere a contatto con la gente del posto, ospitale e accogliente, soprattutto con i vostri bimbi. In media per il pernotto in guest house abbiamo speso circa 80/90 euro a notte, a La Digue abbiamo speso qualcosa in più ma era inclusa anche la colazione. Inoltre, negli alloggi abbiamo sempre trovato la culla per Diego senza alcun supplemento di costo.

Cosa mettere in valigia

Siete in una destinazione tropicale, quindi in qualsiasi stagione decidiate di venire, costume da bagno, protezione solare molto alta (50!), repellenti e occhiali da sole sono indispensabili. Qui condivido con voi un elenco di ciò che abbiamo messo in valigia e che semplificato il nostro viaggio:

  • k-way: fondamentale. Soprattutto se viaggiate durante la stagione umida, la pioggia può sorprendervi da un momento all’altro. Non occupa spazio nel bagaglio e vi permette quanto meno di potervi muovere sotto la pioggia. Noi ne abbiamo fatto largo uso a La Digue!
  • torcia tascabile: in qualsiasi stagione alle 18 alle Seychelles è già buio e molte zone non sono affatto illuminate. La Digue, poi, colpisce per essere particolarmente buia, ma anche la strada dietro al nostro alloggio a Praslin era completamente buia e anche solo per arrivare al supermarket la torcia ci è servita. Vi consiglio una torcia frontale così da poterla fissare anche sulla bicicletta a La Digue, (le bici che potrete fittare ne sono sprovviste) e per strada non c’è illuminazione;
  • caschetto bici per i bambini: sebbene sia facile trovare seggiolino per i più piccoli sulle bici a noleggio, il caschetto della misura più piccola non si trova, quindi vi consiglio di metterlo in valigia. Noi all’epoca del viaggio abbiamo usato questo caschetto, età di nostro figlio 15 mesi;
  • kit medicine: fondamentale averlo nel bagaglio a mano con il minimo indispensabile (tachipirina, termometro, antidolorifico, eventuale antibiotico, crema per dermatiti o eventuali reazioni allergiche). Sia a Praslin che a La Digue ho avuto modo di entrare nelle farmacie locali, e sono molto fornite quindi in caso di necessità non sarete sprovvisti;
  • maglie e cappellini anti-uv: non ne abbiamo visti in giro nei market locali, quindi meglio non partire senza. Per quanto riguarda le maglie noi usiamo da sempre queste maglie anti-uv, se vi va potete acquistarle a questo link. Per quanto riguarda i cappellini anti-uv, invece, li potete trovare a questo link;
  • sandali da trekking: le spiagge delle Seychelles sono paradisiache ma parecchie non così facili da raggiungere. Consiglio di metterli in valigia se avete in mente di fare escursioni in zone con sentieri impervi o che prevedano camminate sui massi granitici bagnati. Questo vale sia per voi che per i vostri bimbi (a maggior ragione se piccoli dovrete portarli in spalla, quindi non rischiate di scivolare!), e non soltanto per le spiagge più difficili (e altrettanto meravigliose) come ad esempio Anse Cocos o Anse Marron a La Digue. Anche a Curieuse Island (di cui ho parlato in questo articolo: Curieuse Island e St. Pierre, tra tartarughe giganti, natura rigogliosa e mare mozzafiato ) il sentiero interno che porta dall’altra parte dell’isola è caratterizzato da stretti tratti in cui si cammina sulle rocce granitiche, e dove dovrete portare in braccio o in marsupio i vostri bambini. Io ho fatto quel percorso da sola, ma ho visto gente rischiare seriamente di scivolare. Quindi meglio partire attrezzati;
  • giochi per il mare: secchielli, palette, braccioli, canottino e relativo gonfiatore meglio portarseli da casa, non ne abbiamo visti in giro;
  • seggiolone: non fondamentale, ma se avete spazio in valigia vi consiglio di metterne uno di quelli richiudibili che si agganciano al tavolo. Nei locali non si trovano facilmente (stessa cosa vale per i fasciatoi);
  • tenda da spiaggia: opzionale. Le spiagge delle Seychelles non sono attrezzate, ma sono tutte naturalmente ombreggiate dagli alberi di takamaka, quindi troverete sempre riparo dal sole. Se viaggiate con i più piccoli, avrete sicuramente anche il passeggino al seguito e ciò aiuta con l’ombreggio. Vi consiglio la tenda solo se avete spazio in valigia, altrimenti non è fondamentale. Noi avevamo spazio e ne abbiamo portata una facilmente richiudibile che però ci è tornata utile principalmente per ripararci dalla pioggia in spiaggia;
  • canotto gonfiabile per i neonati: anche questo l’abbiamo trovato indispensabile viaggiando con un bambini piccolo alle Seychelles. Se desiderate acquistarlo, vi lascio il link di quello che abbiamo noi: canotto gonfiabile per neonati;
  • qualche provvista alimentare: pasta o sughi pronti li troverete anche nei market indiani, ma vi consiglio di portare qualche provvista come sughi pronti, formaggio sottovuoto, una bottiglietta di olio, omogenizzati o pappe pronte, fruttini e yogurt a lunga conservazione. Se i vostri bimbi sono amanti della frutta, alle Seychelles troveranno pane per i loro denti, qui è sempre sul tavolo e questo ci ha salvato molti pasti.

Seychelles Praslin Anse Georgette

Fuso orario

Le Seychelles hanno un fuso orario di sole 3 ore rispetto all’Italia, 2 ore quando da noi c’è l’ora legale, quindi anche questo è un aspetto favorevole per viaggiare con bimbi piccoli perché non rischiate scombussolamenti con il loro sonno.

Carte di credito o contanti?

Senza dubbio entrambi. Noi viaggiamo sempre cambiando un po’ di contanti prima di partire dall’Italia. Tutte e tre le guest house in cui abbiamo alloggiato hanno accettato solo contanti, quindi questi ce li siamo riservati sostanzialmente per gli alloggi. La carta di credito viene accettata quasi ovunque, nei piccoli market indiani assolutamente sì, ma in alcune piccole botteghe, nei take away e nei baracchini sulla spiaggia non sono accettate. Per le escursioni vi chiederanno di pagare in contanti. La moneta locale è la rupia seychellese, ma sono accettati anche gli euro. Si può sempre ricorrere al prelievo di contanti da ATM, ma noi non siamo mai riusciti a prelevare, quindi consiglio di partire sempre con una certa somma di contanti da casa, o comunque cambiarli all’arrivo in aeroporto.

Connessione internet

Appena arrivati all’aeroporto di Mahè abbiamo acquistato una scheda sim locale così da poter avere internet quando eravamo in giro. Sebbene il wi-fi sia presente in tutte le strutture, avere una sim locale è la scelta che vi consiglio per avere connessione anche quando siete in giro (soprattutto se poi ad esempio decidete di fittare una macchina a Praslin o Mahé).

Assicurazione di viaggio

Come ogni viaggio con i bambini, anche alle Seychelles vi consiglio di non partire senza assicurazione di viaggi. Noi da anni ormai viaggiamo con Columbus Assicurazioni (l’avevamo anche alle Seychelles) e non posso che consigliarvela come completa e affidabile per i vostri viaggi di famiglia.

Per i lettori di Viaggiatorisicresce è riservato un codice sconto del 10% su qualunque polizza viaggio con Columbus AssicurazioniA questo link potete acquistare la vostra assicurazione di viaggio Columbus con il 10% di sconto (oppure inserendo il codice sconto BTG032 in fase di acquisto).

 

Se siete alla ricerca di sole, mare e relax le Seychelles sono una destinazione ideale da vivere con i bambini.

Nei prossimi articoli vi porto a scoprire il nostro itinerario dettagliato sulle tre isole durante le nostre due settimane di viaggio e le meravigliose spiagge da non perdere.

Mahè con bambini: alla scoperta dell’isola più grande delle Seychelles

La Digue con bambini: una perla mozzafiato e selvaggia

Seychelles con bambini: 5 giorni a Praslin “fai da te”

Se ancora non lo fate, seguiteci su Instagram per scoprire i nostri viaggi on the road con bambini nel mondo!

Infine, per rimanere aggiornati su promozioni e offerte di viaggio, non perdete la mia newsletter di Consulente Viaggi!

Altri articoli che potrebbero interessarti

3 comments

Seychelles: i nostri consigli su dove alloggiare e dove mangiare - Viaggiatorisicresce 20 Febbraio 2022 - 12:46

[…] ho scritto in questo articolo , la soluzione migliore per soggiornare alle Seychelles è scegliere una guest-house, sia per […]

Rispondi
Seychelles con bambini: 5 giorni a Praslin "fai da te" - Viaggiatorisicresce 25 Febbraio 2022 - 17:41

[…] avervi introdotto al nostro viaggio in famiglia alle Seychelles in questo articolo e in questo, ora entriamo nel vivo del viaggio con il racconto dei nostri primi giorni in questo arcipelago da […]

Rispondi
Seychelles, isole paradisiache a misura di bambini - Viaggiatorisicresce 25 Febbraio 2022 - 17:47

[…] Seychelles con bambini: consigli pratici e informazioni utili […]

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

Verified by MonsterInsights